Alla scoperta della Puglia: la città di Otranto

Luglio 08  2011 by Sara

Scarica la Guida Viaggio della Puglia >Scarica la Guida Viaggio della Puglia >

 

Godetevi la bellezza di Otranto: tra archittetura, natura e un pò di shopping

I migliori luoghi da visitare in Puglia: l’affascinante città di OtrantoI migliori luoghi da visitare in Puglia: l’affascinante città di Otranto

Otranto si trova sulla costa orientale del Salento e può essere considerata una vera perla della Puglia. Situata vicino Lecce, lungo le meravigliose acque cristalline del Mar Adriatico, Otranto è una fantastica meta turistica con un lungomare movimentato, impreziosita da gioielli architettonici come il Castello aragonese e la Cattedrale.

Il vero castello di Otranto, il Castello aragonese, è un’imponente costruzione che fa parte del sistema difensivo della città. L’edificio attuale risale al XV secolo, sebbene sia stato costruito su una precedente fortezza di Federico II. È aperto al pubblico e quest’estate (dal 28 maggio al 25 settembre) ospita una mostra delle litografie e delle sculture di Salvador Dalì.

Otranto - La chiesa medievaleOtranto - La chiesa medievaleCredits: Flickr

Prima di liquidare la cattedrale come un’altra bella chiesa medievale, sarebbe forse il caso di visitarne gli interni. Sì, quelli sono proprio teschi! Al posto delle solite immagini da altare, ecco una parete decorata con teschi messi bene in vista per la congregazione. Si tratta dei martiri della cattedrale di Otranto… Correva l’anno 1480: quel fatidico 28 luglio una flotta con 70-200 navi ottomane raggiunse la città di Otranto, che allora faceva parte del Regno di Napoli. Fu l’inizio delle guerre ottomane (1453-1683) in Europa e del periodo dell’invasore Maometto II che aveva conquistato Costantinopoli appena 28 anni prima. La guarnigione posta a difesa di Otranto e l’intera cittadinanza si rifugiarono nel castello, il quale tuttavia non possedeva cannoni per difendersi e fu presto conquistato e i soldati uccisi.

Credits: Flickr

Il 12 agosto 800 cittadini furono condotti sulla collina di Minerva, oggi conosciuta con il nome di collina dei martiri, e decapitati per essersi rifiutati di abiurare la fede cattolica. I loro resti furono trasportati nella cattedrale e i teschi conservati in una teca a insigne ricordo di questi 800 martiri.

Un’altra tappa obbligata nella cattedrale è la visita al mosaico del XII secolo. Si tratta di un’opera stupendamente singolare e di vaste proporzioni completata da un monaco chiamato Pantaleone. Il mosaico riproduce sia storie religiose, tra cui l’arca di Noè, che figure storiche, mitologiche e addirittura pagane, come Alessandro il Grande e Re Artù. Accanto alla cattedrale si trova un piccolo museo, il Museo Diocesano, che contiene alcune esposizioni locali in cui figurano frammenti di un mosaico originario del IV o V secolo ritrovato sul sito della cattedrale.

Credits: Flickr

Dopo questo viaggio nella storia della chiesa è il momento di ritornare alla città così com’è oggi e ammirare i vicoletti del centro storico con le loro case imbiancate e le numerose piazzette dove sedersi a guardare il viavai di persone. Le strade più affollate sono fiancheggiate da negozi (di vestiti, ceramiche, sandali ecc.), da ristoranti e da bar, mentre sono numerosi i luoghi dove sedersi lungo le mura e godersi la vista del mare.

Nelle sere estive la scena vacanziera di Otranto diventa vivace. Non appena il sole inizia a calare, le strade si affollano fino a diventare strapiene di gente. Esistono numerosi bar e ristoranti dove sedersi all’aperto e godere della vista del porto e della baia; i negozi sono aperti fino a tardi, mentre i bar e i ristoranti sono aperti fino a notte fonda. Attrazioni da luna park e stand di caramelle nella zona del porto allietano le serate dei bambini. A notte fonda le mura della città e la zona intorno al castello diventano un alveare di attività, mentre le mura antiche sono illuminate a festa.

Credits: Flickr

Le spiagge cittadine sono molto piccole e risultano piacevoli in una giornata infrasettimanale di maggio, ma sono estremamente affollate durante l’alta stagione. Il lungomare fuori Otranto è conosciuto per la sua bellezza e altri tratti di spiaggia famosi si trovano sia procedendo verso nord che verso sud. A nord di Otranto si possono ammirare infatti le spiagge sabbiose della Baia dei Turchi e dei Laghi Alimini, grandi laghi in prossimità del mare. Un’interessante meta marittima a sud di Otranto è Porto Badisco, pittoresca insenatura rocciosa.

In sostanza Otranto è un’altra incantevole meta pugliese!

 

Non dimenticarti di scaricare la guida gratuita di base della Puglia!

Lasciati ispirare >
Relais Corte Altavilla
Conversano (Puglia)
Villa Cenci Relais Masseria
Cisternino (Puglia)
Articoli consigliati TUTTI GLI ARTICOLI >>
I 10 migliori fumetti italiani
“Occorre guardare tutta la vita con gli occhi di un bambino”: è quanto amava ripetere Henri Matisse quando voleva enfatizzare il suo amore per la vita a dispetto dei problemi e delle Leggi l'articolo completo >>
È arrivata l’ora del caffè. Qual è il tuo preferito? (Infografica)
Una pausa caffè all’italiana: quale tipo di caffè ordineresti? Espresso, macchiato, americano…Esistono tantissimi tipi di caffè e innumerevoli modi diversi di berlo. Gli italiani sono famosi Leggi l'articolo completo >>
I 5 vini migliori della Puglia
I vini pugliesi: snobbati in passato, celebrati oggiCredits: Flickr Anche se sono sempre stati apprezzati e consumati a livello locale, fuori dai confini regionali i vini rossi pugliesi sono Leggi l'articolo completo >>

Hotel consigliati

Le Alcove (Puglia)
Alla scoperta della Puglia: la città di Otranto