Escursioni alla Torre dello Ziro sulla Costiera amalfitana

Giugno 01  2011 by Laura Thayer

Goditi le spettacolari vedute e fai un tuffo nel passato e nelle leggende dell’Amalfi medievale con scarponi e zaino in spalla per raggiungere la Torre dello Ziro del XV secolo.



Una delle caratteristiche principali del panorama montuoso che circonda la località balneare di Amalfi è la sua torre di avvistamento che dal promontorio sovrasta il paesaggio a picco sul mare. Nota con il nome di Torre dello Ziro, questa costruzione fu a suo tempo parte di un’enorme fortezza edificata sopra Amalfi -conosciuta come Castrum Scalelle - che in età medievale fungeva da punto di vedetta epermetteva alla Repubblica di Amalfi di difendersi dalle incursioni via mare.
 

Una gita alla Torre dello Ziro - località intrisa di leggende - rappresenta sicuramente un modo divertente per vivere le bellezze naturali e la storia della Costiera amalfitana, godendosi al tempo stesso i sensazionali panorami della costa e del golfo di Salerno. Pur essendo ubicata sopra Amalfi, per raggiungere la torre e visitare le rovine del castello, si parte dai monti di Scala. Nel Medioevo, Scala era una cittadina benestante,nonché sede strategica della Repubblica di Amalfi. Oggi è un paesino tranquillo, ricco di borghi e vedute meravigliose. La nostra escursione alla torre ha inizio nel vicino borgo di Pontone, facilissimo da raggiungere in macchina. Da qui si seguono le indicazioni per Torre dello Ziro e si passa la chiesetta di Santa Maria del Carmine, sita ai margini del borgo sovrastante la valle che scende fino ad Atrani. Il percorso roccioso e i numerosi scalini seguono la valle sopra Atrani e lungo il cammino non mancano i belvedere in cui prendersi una pausa e gustarsi la vista sulla città di Ravello che domina il vallone. Ma ci sarà anche modo di ammirare il panorama suggestivo che si schiude agli occhi del visitatore dalla Terrazza dell’Infinito, all’interno dei giardini di Villa Cimbrone a Ravello
 
 

Lungo il percorso per raggiungere la Torre dello Ziro, gettando uno sguardo verso il basso, si potrà scorgere Atrani e la meravigliosa Collegiata di Santa Maria Maddalena con il suo svettante campanile del XVI secolo in tufo bruno e chiaro. Gli edifici coloratissimi di Atrani spiccano in mezzo all’azzurro del mare, regalando in una giornata di sole uno spettacolo unico. Proseguendo la camminata attraverso la fitta pineta, non ci vorrà molto prima di avvistare in lontananza la cilindrica Torre dello Ziro.


Questa torre di avvistamento fu costruita nel 1480 dal Duca di Amalfi, Antonio Piccolomini, sulle vestigia di una precedente torre del XII secolo. E se è vero che non c’è rovina che non evochi ricordi legati ai tempi passati, sono molti i misteri nascosti fra le mura di questa torre che, secondo la tradizione popolare, fu teatro di una delle vicende più sanguinose della storia di Amalfi: l’uccisione di Giovanna d’Aragona, Duchessa di Amalfi, e dei suoi due figli. 


La storia del suo grande amore, del matrimonio morganatico con il maggiordomo di corte e del suo assassinio sono narrati nei racconti popolari del XVII secolo, così come nella tragedia intitolata “La duchessa di Amalfi” scritta dall’autore inglese John Webster. Camminando fra le rovine di questo castello è facile dar briglia sciolta all'immaginazione e pensare a cosa abbiano visto e sentito queste mura, sin dai tempi della loro costruzionein età medievale: la gloria e la caduta della Repubblica di Amalfi, le grandi battaglie in mare, le tempeste finite in tragedia, l’arrivo delle reliquie di Sant’Andrea e gli innumerevoli velieri giunti e ripartiti da queste acque che hanno contribuito a rendere potentela Repubblica di Amalfi nel Mediterraneo.


Una volta superata la Torre dello Ziro si raggiunge - proseguendo ancora per un po’ - un piccolo belvederesituato sopra la torre con la sua pietra miliare. Ci sono ancora diversi gradini da fare, ma la vista di cui si gode una volta arrivati in cima ne vale davvero la pena. Il panorama della costa verso Maiori e Salerno lascia semplicemente senza fiato!


Dall’altra parte del belvedere si ha una vista a volo d’uccello sulla sottostante città di Amalfi. Se ci si affaccia, si riescono a scorgere il campanile e la facciata della Basilica di Sant’Andrea e il borgo medievale della città. Nelle giornate d’estate il porto di Amalfi pullula di attività, anche se a differenza delle navi commerciali che una volta attraversavano il Mediterraneo, adesso a solcare le sue acque sono i traghetti che collegano Positano, Sorrento e l’isola di Capri.


Una volta di ritorno ad Amalfi merita dare un’ultima occhiata alle montagne. Osserverai la Torre dello Ziro con occhi diversi!


Sottoscrivi il nostro RSS, seguici su Twitter e Facebook e rimani sempre aggiornato!


Photo credits: Laura Thayer

Lasciati ispirare >
Hotel Laguna - Chia Laguna
Chia (Sardegna)
L Essenza Sensory Oasis
Torpe (Sardegna)
Articoli consigliati TUTTI GLI ARTICOLI >>
I 10 migliori fumetti italiani
“Occorre guardare tutta la vita con gli occhi di un bambino”: è quanto amava ripetere Henri Matisse quando voleva enfatizzare il suo amore per la vita a dispetto dei problemi e delle Leggi l'articolo completo >>
È arrivata l’ora del caffè. Qual è il tuo preferito? (Infografica)
Una pausa caffè all’italiana: quale tipo di caffè ordineresti? Espresso, macchiato, americano…Esistono tantissimi tipi di caffè e innumerevoli modi diversi di berlo. Gli italiani sono famosi Leggi l'articolo completo >>
La top 5 dei dessert italiani: dolci tipici!
Quali sono i dolci italiani più conosciuti? Un viaggio in lungo e in largo nelle tradizioni culinarie italiane alla scoperta dei 5 dolci tipici più appetitosi dello stivale.Come già Leggi l'articolo completo >>
Escursioni alla Torre dello Ziro sulla Costiera amalfitana